www.michelecardonesindaco.it

Candidati

Rossi Monica
Rossi Monica
Sono nata a Roma nel 1970 e nel 2004 ho deciso, con mio marito, di mettere radici ad Anguillara.
La scelta di vivere nel centro storico è stata un atto d’amore per un luogo denso di cultura e umanità.
Ho conseguito la laurea in Lettere con indirizzo storico artistico e, in seguito, due master. Ho lavorato per alcuni anni nel settore web per la Pubblica Amministrazione. Dopo la nascita di mio figlio (e il mancato rinnovo dell’ennesimo contratto di lavoro a termine) mi sono impegnata in attività sul territorio, in particolare con la creazione della Cooperativa sociale In Itinere, della quale sono stata Presidente dal 2006 al 2013.
E’ stata una stagione di progetti belli e coinvolgenti nei settori della cultura e dell’ambiente.
Dal 2013 al 2016 ho ricoperto il ruolo di Segretario generale dell’Associazione Italiana Biblioteche, l’organizzazione di riferimento dei bibliotecari italiani. Oltre alle mansioni istituzionali del ruolo, sono stata responsabile dell’organizzazione dei congressi nazionali e delle iniziative di advocacy, come l’evento annuale denominato Bibliopride – Giornata nazionale delle biblioteche. Sempre per AIB ho coordinato alcuni progetti speciali, come il corso di formazione “Il promotore della lettura”, nell’ambito del progetto nazionale “In Vitro” (MiBACT) e sono stata Direttore responsabile del periodico “AIB Notizie” (2014-2017).
Dal 2017 sono socia dell’unica libreria per ragazzi di Anguillara, uno spazio per i bambini e le loro famiglie, che in questi anni ha offerto tante possibilità di incontro, gioco, letture e laboratori creativi.
Mi candido a consigliere comunale perché penso che Anguillara, come l’Italia intera, abbia bisogno delle idee e delle energie di donne preparate e competenti, che sappiano mettere la loro visione e la loro esperienza nella definizione di programmi politici attenti ai bisogni delle fasce più deboli della popolazione.
Come socia del movimento ABC – Anguillara Bene Comune, ho partecipato alle battaglie per l’acqua pubblica e alle iniziative interculturali.
Anguillara ha bisogno di un progetto culturale di ampio respiro, che metta a sistema i tanti aspetti della cultura locale e le eccellenze che il territorio esprime, cercando contaminazioni ed esperienze che contribuiscano ad allargare gli orizzonti. Per fare questo ritengo sia necessario il coinvolgimento dell’intera comunità, perché senza partecipazione e confronto non esiste crescita culturale.